top of page

Twinkle Toes Saga

Search

OFF SEASON: non per stanchezza, bensì per nostalgia dei sogni…

Updated: Nov 15, 2020

Cara lettrice, caro lettore,

ribatto le dita sui tasti senza davvero sapere quale sarà l’intreccio di questo mio racconto. Un’aria infernale sbatte senza sosta i nostri progetti. Li rimescola, li disfa o li fa a brandelli.

Dopo le fatiche di Borgo Egnazia Twinkle Toes avrebbe bramato un’altra linea di partenza. Il corpo, dopo qualche giorno di torpore, era tornato a ad assaporare il gusto della fatica. Gli occhi erano rivolti verso Candia, competizione che lo scorso anno aveva visto il suo debutto nel mondo del triathlon di lunga distanza. Ma la pandemia non fa sconti, gara annullata e arrivederci all’anno prossimo.

Però un piano B era già pronto. Un progetto dal sapore antico che cavalcava un’ondata di ricordi. Era il 2013 quando Twinkle Toes vinceva il suo primo titolo svizzero assoluto in quel di Düdingen. Quel pomeriggio ai Campionati Svizzeri di cross qualcosa si era acceso. Lo scalpiccio del gruppo di testa, il fiatone dello strappo, la faccia sporca di fango. Ecco ciò che resta impresso nella memoria. Così in questo finale di stagione un ultimo acuto sarebbe potuto avvenire tra i prati di Regensdorf, sede del campionato svizzero di cross 2020. Il progetto era chiaro: calare il chilometraggio in bicicletta, spingere il nuoto e affilare la corsa. 30km in piscina, quasi 90 corsi a piedi e qualche uscita in bici; ecco la ricetta della prima settimana. Ma ancora prima di entrare nel vivo della preparazione, l’aspro vento sconquassò ogni proposito.

Non resta che disegnare un punto e andare a capo. Il diario è pieno di annotazioni, testimonianze e suggerimenti. In questo momento le pagine sono bianche. Ma lasciate che la mia mano, un poco indolenzita, si goda un attimo di riposo. La matita, già aguzzata, presto tornerà a raccontare.




******************************


Off Season: not out of fatigue, but out of nostalgia.


Dear readers,

My fingers are on the keyboard without really knowing what will be the plot of this next story of mine. Infernal air relentlessly flashes our projects, shuffles them, undoes them or tears them to shreds.

After the labors of Borgo Egnazia Twinkle Toes would have craved another starting line. The body, after a few days of torpor, had returned to savor the taste of fatigue. Eyes were turned towards Candia, a competition that last year had seen its debut in the world of long distance triathlon. But the pandemic does not make discounts, race cancelled and goodbye to next year.

But a plan B was already ready. A project with an ancient flavor that rode a wave of memories. It was in 2013 when Twinkle Toes won his first ever Swiss title in Düdingen. That afternoon at the Swiss XC Championships something was on. The shuffling of the leading group, the breath of the tear, the muddy face. This is what remains in the memory. So in the final stage of this season a final high note could have taken place in the meadows of Regensdorf, home of the 2020 Swiss XC Championship. The project was clear: lower the mileage on the bike, push the swim and sharpen the run. 30km in the pool, almost 90 on the trails and a few bike rides - that's the recipe for the first week. But even before we got to the heart of the preparation, the bitter wind shattered every purpose.

All that remains is to put a final point and go to the end. The diary is full of notes, testimonies and suggestions. Right now the pages are blank. But let my hand, a little sore, enjoy a moment of rest. The pencil, already sharpened, will soon return to tell the story.

49 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page